Consumi Elevati, Sprechi e Dispersione Energetica?

Approfitta del Superbonus del 110%
per Condomini e Prime Case

Oggi hai la grande opportunità di migliorare la tua casa senza preoccupazioni e, se ti affidi a strutture organizzate, competenti e affidabili, probabilmente anche senza spendere soldi.

Ci occupiamo di tutto noi. Vuoi sapere come funziona?

Verifichiamo la Certificazione Energetica dei tuoi locali e Analizziamo gli interventi necessari per migliorarla.

L’agevolazione riguarda i lavori di coibentazione, di sostituzione di impianti di condizionamento e antisismici; a uno di questi si possono abbinare numerosi altri interventi: facciate, infissi, fotovoltaico, colonnine ricarica, ecc. a patto che la casa migliori di due classi energetiche o comunque raggiunga la migliore possibile.

Prepariamo un progetto, scegliamo i materiali, i fornitori ed eseguiamo tutto a regola d’arte.

Alla fine potrai decidere se pagare e aspettare cinque anni per scontare il 110% dell’importo sotto forma di credito d’imposta, oppure cederlo direttamente a noi come saldo di quanto dovuto. Semplice.

Approfitta della solidità di un grande gruppo e la specializzazione di una rete di partner installatori sul territorio.

Prenota una visita di un nostro incaricato, il tempo stringe e i fondi disponibili non sono illimitati.

PS: la legge dev’essere approvata dal parlamento nel mese di giugno.

Entra nella Comunità Ecobonus

Potrai riqualificare la tua casa a costo zero, grazie a un lavoro integrato di diversi specialisti e la possibilità di pagare cedendo il credito d'imposta.

Ottenere nuove opportunità per la tua impresa, entrando nella rete di installatori, fornitori, beneficiando dei servizi del gruppo.

Ricevere proposte per la tua carriera lavorativa, in quanto ricerchiamo persone per diversi ruoli. Raccontaci la tua storia e cosa vorresti fare.

 

Le Famiglie possono migliorare le loro abitazioni compensando le spese con le imposte; le imprese possono beneficiare di un grande indotto che rilancerà molti settori; l’ambiente sarà più tutelato grazie alla maggiore efficienza e il minore inquinamento.

Si applica alle spese sostenute dal 1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021,

SOLAMENTE

se contengono almeno un intervento primario trainante e gli effetti determinano il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

E’ rivolto a prime e seconde case non di lusso. Si potra ottenere una detrazione dalle imposte pari al 110% dell’importo speso in cinque quote annuali di pari importo. Oppure cedere il credito di imposta al fornitore, scegliendo lo sconto in fattura, che lo potrà compensare senza attendere cinque anni, oppure cederlo a sua volta ad altri soggetti.

Gli interventi primari di riqualificazione, trainante il Superbonus del 110%, sono tre:

 Cappotto termico.

Gli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio – sia unifamiliare sia condominiale con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio. La detrazione è possibile sino a un massimale di spesa di 60.000 euro per ciascun edificio.

 Caldaie a pompa di calore in case singole 

Rientrano in questa categoria tutti gli interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione. Anche in questo caso la detrazione è calcolata su un massimale di spesa di 30.000 euro (compreso lo smaltimento e la bonifica dell’impianto sostituito).

IMPATTO SUPERBONUS 110% SUI LAVORI MINORI

Si applica anche a tutti gli interventi di efficientamento energetico oggi agevolati con l’ecobonus, nei limiti di spesa già vigenti per ciascun intervento, e a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno dei maxi-interventi “trainanti” sopra elencati.
Ad esempio, il cambio delle finestre nel contesto di un cappotto termico con i requisiti indicati in precedenza, sarà detraibile al 110% entro i limiti di spesa propri degli infissi, ma per poter accedere allo sconto 110%, gli interventi devono assicurare, oltre al rispetto dei requisiti tecnici minimi indicati dalla legge,  come detto con il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio. Nel caso in cui non sia possibile, sarà sufficiente il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (Ape).

  • Impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica

    Così anche per l’installazione di impianti solari fotovoltaicise eseguita congiuntamente a uno degli interventi “trainanti” o degli interventi del sisma bonus, sarà possibile ottenere una detrazione del 110%, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Il tetto delle spese, in questo caso, è di 48mila euro, con un vincolo di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.
  • Sistemi di accumulo

    Questa detrazione è riconosciuta anche per l’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici. Il pacchetto di sconti fiscali non è cumulabile con altri incentivi pubblici e altre forme di agevolazione di qualsiasi natura. Sconto al 110% anche per l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, purché agganciata agli interventi trainanti.

IMPATTI SU SISMABONUS

Anche per gli interventi antisismici degli edifici l’incentivo viene portato al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. In caso di cessione del credito a un’impresa di assicurazione con la stipula di una polizza contro il rischio di eventi calamitosi, spetterà una detrazione sulla polizza nella misura del 90 per cento. Da queste disposizioni sono esclusi gli edifici in zona sismica 4 (già oggi esclusi dal sismabonus).

INTERVENTI ESEGUITI DA PROFESSIONISTI ABILITATI

L’ecobonus e il sismabonus al 110% saranno concessi a condizione che la bontà degli interventi sia asseverata da professionisti abilitati, che dovranno anche attestare la congruità delle spese sostenute con gli interventi agevolati. I tecnici responsabili delle attestazioni dovranno stipulare una polizza assicurativa della responsabilità civile con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi dei lavori che attestano o asseverano.
La polizza servirà a garantire il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata non soltanto ai propri clienti ma anche e al bilancio dello Stato. Chi dovesse rilasciare attestazioni e asseverazioni infedeli rischierà sanzioni penali o pecuniarie.

BENEFICIARI SUPERBONUS

Tutte le agevolazioni del Superbonus 110% viste fin qui si applicano agli interventi effettuati dai condomini e sulle singole unità immobiliari adibite a prima casa, dalle persone fisiche che non esercitino attività professionale o di impresa.

SCONTO IN FATTURA E CESSIONE DEL CREDITO

Per beneficiare del Superbonus 110%, in alternativa alla detrazione fiscale vera e propria, dilazionata in cinque quote annuali, potrai optare per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile ad altri soggetti (cessione del credito), comprese banche e intermediari finanziari, o per la trasformazione in un credito di imposta. Il decreto introduce l’obbligo per il contribuente di acquisire il ‘visto di conformità sulla dichiarazione dei redditi. L’opzione andrà comunicata in via telematica alle Entrate e servirà un provvedimento del direttore per regolarla.

 

Prenota subito la visita di un nostro consulente territoriale Ecobonus, che ti illustrerà in dettaglio quali benefici potrai ottenere nella tua situazione specifica e ti accompagnerà in tutte le fasi necessarie.